New Court Rothschild – London

  • New Court Rothschild - London
  • New Court Rothschild - London
  • New Court Rothschild - London
  • New Court Rothschild - London
  • New Court Rothschild - London

About This Project

Il New Court progettato dallo studio Office of Metropolitan Architecture (OMA) per Rothschild è la quarta iterazione della sede londinese della Rothschild Bank, tutte costruite nell’architettonicamente ricco sito di St. Swithin Lane.

Nathan Rothschild stabilì la sua prima sede al New Court nel 1809 e nel corso degli ultimi due secoli le sedi di Rothschild a Londra sono state continuamente situate nella stessa area. L’edificio di 21.000 m2, primo progetto dello studio OMA a Londra, è stato completato nel novembre 2011 ed è inserito nello stretto vicolo medievale di St. Swithin Lane, nel cuore della City di Londra.

Come una presenza sottile, il New Court si nasconde all’interno di un gruppo di edifici che costituiscono il nucleo storico del centro finanziario della City. Circondato da edifici di grande importanza, il nuovo progetto conserva e valorizza il patrimonio dell’area, sviluppando una nuova dimensione per la zona. Sottolinea nuove connessioni all’interno del paesaggio urbano, e dai 75 metri di altezza del Pavilion Sky offre un’inedita e spettacolare vista sulla City.

Guidato dai partner Rem Koolhaas ed Ellen van Loon, lo studio OMA ha progettato un edificio in gran parte sollevato dalla strada, ripristinando il collegamento visivo tra St. Swithin Lane e la chiesa di Santo Stefano di Walbrook, costruita da Christopher Wren nel 1677 e nascosta alla vista da 200 anni di sviluppo urbano. Per la prima volta il New Court ha un rapporto generoso e intrigante con l’ambiente circostante. Invece di competere, la chiesa di Santo Stefano di Walbrook e il New Court formano ora un insieme urbano integrato, con affinità rafforzate dalla somiglianza proporzionale delle loro torri.

Il nuovo New Court è composto da un cubo centrale di dieci piani efficienti e flessibili per uffici open space – che permettono la veduta della chiesa di Santo Stefano e della circostante City – connesso a quattro annessi attigui, con sale riunioni, uffici privati, circolazione verticale, zone di ricevimento, un caffè staff e una palestra. La parte superiore di questo cubo centrale, dispone di un giardino pensile paesaggistico con aree di incontro all’aperto. Questo a sua volta è sovrastato da un adiacente Sky Pavilion – una piccola torre a tre piani a doppia altezza affacciata sulla città – che ospita sale riunioni e sale da pranzo e una sala polifunzionale panoramica con vista straordinaria su tutta la City, compresa la cattedrale di St. Paul. La parte superiore del cubo è una piattaforma giardino per ospitare eventi all’aperto.

Il cubo centrale ha un ripetuto modello distintivo di colonne strutturali in acciaio incorporate nella facciata. La facciata è in acciaio e vetro scuro. A livello della strada, l’intero cubo viene sollevato per creare un generoso accesso pedonale alla lobby di vetro e un cortile coperto che apre un passaggio visivo per la chiesa di Santo Stefano di Walbrook e il suo sagrato – creando un momento sorprendente di trasparenza nella opacità altrimenti vincolata delle vie medievali. Koolhaas ha commentato: “Abbiamo sollevato l’edificio in modo che il terreno diventasse un manifesto della ricchezza della storia di Londra.”

Elemento di spicco del progetto è il Travertino Romano utilizzato per la pavimentazione e per il rivestimento del soffitto sia all’interno sia all’esterno dell’edificio. La tipologia di travertino scelto dallo studio OMA appartiene alla famiglia del Navona, un travertino bianco con armoniose venature mosse a forma di onda marina e leggere infiltrazioni minerali di tonalità dal blu al grigio. Il team dello studio OMA ha visitato personalmente le cave di Tivoli Terme alla ricerca del materiale adatto al progetto del New Court, un travertino estremamente particolare che ha comportato una complessa fase di selezione e blending. Ogni lastra è stata disposta a terra insieme alle altre in modo da formare una venatura uniforme e ricreare l’esatta superficie del rivestimento. Una volta raggiunto il corretto blending ogni lastra è stata numerata e siglata per permettere una perfetta disposizione con venatura a correre al momento della posatura.

Ancora più complesso il processo che ha portato alla realizzazione del rivestimento del soffitto: dopo aver seguito la stessa procedura di selezione e blending per il pavimento le lastre del soffitto sono state inviate a Washington dove sono state lavorate da una società specializzata in honey comb per gli ancoraggi dei rivestimenti in pietra. Questa procedura ha permesso di alleggerire le lastre attraverso l’inserimento di un particolare alveare sintetico, rendendo possibile un ancoraggio sicuro sia all’interno sia all’esterno dell’edificio. Il risultato finale è strabiliante: una moltitudine di venature uniformi che corrono sia sul pavimento che sul soffitto creando un’unica onda di Travertino Romano. Van Loon ha commentato: “L’esterno e l’interno del nuovo edificio sono stati accuratamente concepiti per creare un edificio d’ispirazione per i Rothschild e stabilire un nuovo dialogo con la città.”

Il nuovo edificio riunisce tutto lo staff di Londra di Rothschild in una sola location per la prima volta da decenni. Una sala lettura e uno spazio per la visualizzazione dell’archivio della famiglia ancorano il nuovo edificio nella storia illustre della banca. Attraverso la connessione di due preziosi spazi aperti della City – il cortile del New Court e il sagrato della la chiesa di Santo Stefano di Walbrook – il nuovo New Court promette di trasformare il vicolo di St. Swithin Lane. Il project manager di Rothschild, Tony Chapman, ha aggiunto: “Rothschild ha assunto un impegno per la City di Londra che ha resistito attraverso sei generazioni. Il nuovo New Court è di rilevante importanza storica ed architettonica e continua questo impegno.”

Il New Court è stato selezionato tra i finalisti del RIBA Stirling Prize 2012. Il RIBA Stirling Prize nasce nel 1996 dal suo predecessore The Building of the Year Award, attivo dal 1988. Il nuovo premio prende il nome da James Stirling, il grande architetto britannico scomparso nel 1992, è assegnato ad edifici costruiti o progettati in Gran Bretagna e ogni anno viene consegnato agli architetti che hanno fornito il maggior contributo all’evoluzione dell’architettura nel corso dell’anno passato.

Anno

2011

Travertino

Category
Headquarters & Office Buildings, Progetti